ALBASULGANGE

venerdì, aprile 04, 2008

lamati numero tre significa prosieguo del viaggio, crescita, nuove immagini dall'india. io che mi occupo dell'impaginazione delle sue parole sono così colpito che non ho alcuna voglia di cambiarne neanche gli errori di battitura, men che mai l'impostazione grafica. lamati con gli spazi, per la prima volta, di sua sponte. cosa significherà? parole pubblicate con qualche giorno di ritardo per farcele assaporare meglio. per farci gustare con la giusta attenzione il percorso di lamati.
Stay tuned.

cinque del mattino.
gange.
su una barchetta con il mio nuovo amico parigino e due grossi innamorati olandesi percorro tutti i ghat che si immergono nella grande madre.
centinaia di indu' si purifcano nel fiume santo.
nel fiume santo c'e' qualsiasi cosa
forse per uesto dovrebbe essere santo
perche' racchiude il creato.
migliaia di coppette fatte con le foglie e piene di fiori con un piccolo lumino in mezzo rischiarano l'alba
-piccoli puntolini luminosi ciclamino e arancio-
offerte nell'indefinibile marciume del fiume
immondizie di ogni genere
frutta chapati taniche ghirlande avanzi di pezzi meccanici
ma il gange scorre lento verso la mattina che si fa notare
e gli abitanti di varanasi lavano chili e chili di stoffa sui ghat
infinite tele colorate stese ad asciugare sul lungo fiume
ovviamente, il che non mi rende proprio raggiante, anche le lenzuola degli alberghi e dell'ospedale.
un vecchio santone vestito di arancio con lunghi capelli e barba bianca si lava i denti con cura
tra i fiori marci e gli sputi rossi dei suoi vicini
cani obriobriosi scimmie e mille caprette si inseguono nei ghat
interrompendo con i loro versi le lunghe litanie
in uno degli ultimi ghat stanno per cremare due corpi
prima li immergono nel fiume
poi rivestono le barelle di fiori incenso e una specie di carta argentata sbrilluccicante
intanto piu' in alto su un enorme bilancia viene pesata la legna
per la pira funebre
e inizia il fumo di uomo
abbastanza denso odoroso
ma coperto da molto incenso
prende allo stomaco
-il mio gia' cosi' instabile in questo posto-
me ne vado prima della fine
forse non voglio piu' vedere degli uomini bruciare.
varanasi mi fa paura in ogni caso
una spiritualita' molto corrotta
fiori rupie incensi mance legna piu' o meno costosa per i morti
il sandalo e' il piu' prezioso
forse anche per il profumo
seta capre immondizia all'infinito
mendicanti di tutte le forme
e soprattutto polizia molto armata ovunque
non mi piace molto qui.
mi sento un po' oppressa angosciata
da tutta questa religione e violenza latente
e odori disorientanti.
domattina alle dieci me ne vado
nella citta' in cui buddha ha avuto l'illuminazione
ci vado con il mio amico philippe
un parigino che studia criminologia e psicologia e ha un ristorante di famiglia in rue de rivolimolto simpatico
forse un po'troppo preciso
si lava sempre le mani con una lozione disinfettante prima di mangiare e bere.
vuole mangiare solo dove dice la lonely planet e avere sempre una camera con il balcone
io vorrei semplicemente una camera con le lenzuola.
oggi ce le ho
ma sono piene di macchie di unto impronte di piedi e resti di insettini
e se sono state lavate qualche volta e' stato sicuramente nel gange.
allora era meglio senza.
in ogni caso
domani dovrei raggiungere un piccolo posto tranuillo tra le risaie.
un po' di verde
meno schifo.
mi mancate molto.
ma molto proprio che mi viene un po' da piangere.
ora vi bacio e riposo un po' che la sveglia e' stata alle quattro e un quarto.
scrivero' presto.
pensatemi sempre.
m

Comments

One response to “ALBASULGANGE”
Post a Comment | Commenti sul post (Atom)

Tex ha detto...

In effetti non si puo lasciare "zero commenti" apparire in fondo a questo post. Lamati potrebbe pensare che non ce ne frega niente...invece vorrei lanciare un nuovo sondaggio: chi vorrebbe in questo momento incrociare Lamati nel suo viaggio? chi vorrebbe ritrovarsi ora tra l'incenso e la cacca? e se qualcuno pensa di non aver nessuna voglia di andare in India, dov'é invece che vorrebbe andare a ficcare il naso? solo cosi per curiosità e convivialità.
Un bacio a tutti
sopratutto a chi é in viaggio in terra straniera

07/04/08, 19:09