il Rimpasto

sabato, febbraio 24, 2007

La notizia naturalmente è riservatissima, ma fra qualche decina di minuti sarà resa pubblica quindi tanto vale non nascondervi niente. Dietro la crisi del governo Prodi c'è una grande manovra strategico-parlamentare. Li avevamo votati: ma ci avevano un po' rotto il cazzo, bisogna dirlo. Non ci piacevano questi spostamenti troppo a sinistra, si parlava addirittura di pace, PACS, DICO, e cose varie. E allora abbiamo pensato a questo scherzetto, il che comporterà un giusto riequilibrio tra le forze del governo. L'annuncio è di quelli forti: pare che il prossimo ministro degli esteri sarà niente popodimeno che il Poliglossa, mentre il ministero degli Interni e quello della Difesa saranno accorpati e affidati al nostro maggior esperto di sicurezza: Greg Lanza. O così, o niente. Abbiamo fatto la voce grossa, d'accordo, ma ci hanno costretto, e noi non potevamo più rimanere inermi a guardare il nostro paese alla deriva. Abbiamo delle responsabilità, noi.
Ebbene sì, dunque, checché ne dicano, follinate e lombardate varie, uddiccì e ccicciddì, è tutto falso: anche in questo caso c'è lo zampino dei rigattieri.

Comments

One response to “il Rimpasto”
Post a Comment | Commenti sul post (Atom)

nw ha detto...

TRIPUDIO E GIUBILO!!!!!

24/02/07, 15:05