partire

domenica, luglio 05, 2009

Partire è sempre un po' morire, si sa. Se però, tra le altre cose, la meta del tuo viaggio è un luogo in cui vivi da un po' di tempo, l'arrivo è meno traumatico: riconosci le strade, le persone che incontri, la munnizza che avevi lasciato a casa e che i tuoi co-buciconi non hanno tolto per non provocare alcun effetto di straniamento: anzi, a che c'erano, ne hanno aggiunta un po'. Quando ti svegli la mattina, per esempio, è dolce ritrovare il grido della signora che, con cadenza regolare, a una distanza non meglio precisata, probabilmente da dentro casa sua non troppo distante da qui, intona il suo AAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHH!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!, o ancora percepire distintamente la suoneria di Arancia Meccanica del telefonino di qualche sadico vicino. Sono cose che alleviano di molto il senso di morte insito nella partenza. Ma non usiamo termini forti: non è un vero senso di morte, è solo un più blando "un po' morire", che mi torna in mente sin da ieri quando, sull'aereo che mi riportava a Parigi, ha trovato l'occasione di essere sbeffeggiato ancora una volta. Non so da quanto non prendiate un volo Ryanair; a me non capitava da un po', l'ho ripreso la settimana scorsa e ho notato una macabra novità. A parte una considerazione generale, che riguarda tutti i voli: nel momento che precede l'atterraggio il capitano comunica all'equipaggio di prendere posizione perché stiamo per toccare terra. Si sa. O forse crediamo di saperlo, perché per quanto mi riguarda io sento qualcosa di indistinto che potrebbe benissimo essere un "CABINCRIÙPORCPUTTSIAMNELLMERD", prima di chiudere la comunicazione e provare a salvare la pelle. Tu comunque non ci puoi fare niente, ti convinci che gli ha detto "ASSITTATVORATTERROMANCFOSSSCHUMACHER", e aspetti guardando fuori dal finestrino e godendoti lo spettacolo. Ma una volta atterrati, tutto apposto, immediatamente dopo l'applauso tipico dei passeggeri (siculi. immediatamente dopo l'applauso tipico dei passeggeri siculi. immediatamente dopo questa splendida usanza che altri popoli meno felici sconoscono), ecco la beffa: subito dopo l'applauso e in seguito a una ragionevole certezza del capitano di riuscire a frenare prima di schiantarsi, ecco che dagli altoparlanti suona trionfante un motivetto: PÀPPAPAPÀAAAAAAAAAAA!
E che mi rappresenta 'stu motivetto? La melodia ha il chiaro senso di un: "fiuuuuuu, anche per questa volta è andata, squillino le trombe". Che sia un modo raffinatissimo di Ryanair per sfotticchiare un po', e nello stesso tempo valorizzare nella percezione dei clienti, l'antico detto da cui abbiamo preso le mosse?

Comments

10 Responses to “partire”
Post a Comment | Commenti sul post (Atom)

ferarivslamaledettaryan ha detto...

siamo abbastanza contenti che anche all'impassibile capo ni cominci a venire la caga dell'aerio, come a onni persona sana di mente. certo, ancora non è tanto normale, visto che si tranquillizza a sentire il pilota che dice che mo atterra manco fosse schumacher.
adognimodo, in un mio volo assiviglia di un par d'anni fa, l'imbecille del pilota ryan (piccolo e tarchiatello, pelato e di nome dario, tutte cose che non mi tranquillizzavano, come non mi tranquillizzava il fatto che per tutto il volo quello flirtasse con TUTTE le hostesse, che sghignazzavano invece di pensare ad eventuali buchi nell'aereo pronti a risucchiarmi), insomma, l'imbecille del pilota ryan, mise una musichetta del genere PRIMA di atterrare, manco fossimo dei kamikaze che si davano forza prima di schiantarsi contro la portaerei nemica.

comunque sia, un appello accorato a tutti i rigattieri vicini e lontani: non volate ryan, qualsiasi cosa succeda. ryanair è il male, e mi ha pure inculato 40 bucce, l'ultima volta, perchè non avevo fatto il check-in on-line.

05/07/09, 14:09
nw ha detto...

e infatti ho prenotato isigètte!
epperò capo, te lo devo di': allora è proprio tanto che un voli raian.
o meglio: è tanto che un voli raian e che arrivi in orario.
lo strombazzamento folle, infatti, lo fanno quando atterrano in orario e non coi consueti 77 volte 7 minuti di ritardo.
èniuei: levate la monnezza per quando arrivo e rispondete alle email, brutti bastardi!

05/07/09, 17:55
nw ha detto...

una curiosità: ma secondo te e secondo gli altri buciconi, il "AAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHH!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!"
della vicina è uno sbadiglio o un orgasmo?

05/07/09, 17:57
nw ha detto...

enfin [l'ultimo, capo: giuro che è l'ultimo!], fery, dear, raian non è il male...si è solo vendicata di te...tu la infami, lei t'incula.
Equo e solidale.

(certo, feryfè, che per 'st'ultimo viaggio in italia non è che t'è andata granché bene, uh?)

05/07/09, 17:59
Tex ha detto...

Sono cinque i voli ryanair che mi prendo quest'estate, il primo domani. Non vorrei che questa vaga sensazione che forse avrei dovuto spendere di più ma evitare chirurgicamente il male evidente delle compagnie aeree low cost, dovesse diventare un gran mal di pancia o un'isteria patologica...please incrociate qualche dito per me. please.

05/07/09, 21:45
Ciccì ha detto...

tex, vanno bene anche le dita dei piedi?

06/07/09, 00:04
capo ha detto...

mannò tex, stai tranquilla; poi però dicci l'effetto che ti ha fatto la musichina, mi raccomando. e se c'era applauso o no.

bon voyage

06/07/09, 00:13
Françoie ha detto...

Io so tutto e vi ammaestrerò.
La musichetta non è di felicitazioni per il buono atterraggio, e neanche per l'atterraggio in orario.
Bensì è per l'atterraggio in anticipo! Suona ogni volta che il pilota guadagna qualche minuto nella rotta. E poi attacca la voce che dice il ninetycazzi percentuale dei voli raian arriva più che puntuale.

Saluti uggiosi,f.

PS: non pigliate raian, essa è il male e adesso sta cosa che fa pagare pure la stampa della carta d'imbarco non si può sentì.

06/07/09, 20:46
nw ha detto...

vuoi metterlo col far pagare il cesso?
no, dico....

06/07/09, 22:40
Ciccì ha detto...

Guardate che bella nuova idea..
http://www.corriere.it/cronache/09_luglio_06/ryanair_costi_piedi_4611d588-6a32-11de-801a-00144f02aabc.shtml

06/07/09, 23:01