I Rigattieri spiccano il volo

venerdì, dicembre 29, 2006

Cari amici, care amiche,
giochiamo a carte scoperte. Possiamo permettercelo, dato che ogni nostra azione è volta (come sapete) al miglioramento dell'ordine costituito, e che di questi tempi nessuno più di noi sembra essere chiamato a prendere pubblicamente una decisione importante, per il nostro futuro, per il futuro della nostra generazione, del paese e del mondo intero.
Ieri ho colloquiato a lungo col fido Betty. E abbiamo sentito fortemente l'esigenza di fare un salto di qualità. Basta coi treni, bisogna spiccare il volo. Il futuro è nell'etere.
Abbiamo già annunciato al ministro Ferrero, nottetempo, la nostra decisione di concorrere al rilevamento di Alitalia. La notizia ha suscitato scalpore persino negli ambienti più quotati della finanza italiana: La Repubblica titola oggi che, dopo la nostra offerta, "il titolo Alitalia è schizzato su: più 3 per cento in apertura, più 5 a metà mattinata".
Era prevedibile, ma sappiamo cosa stiamo facendo. D'altronde già da tempo ci siamo infiltrati nel campo dell'editoria italiana, che gestiamo pressocché in toto. Dopo l'esperienza di qualche mese fa con trenitalia, la prosecuzione più logica era quella della più grande compagnia aerea del nostro paese.
Lo facciamo per voi, attenzione: consci delle nostre capacità (Happy lo mandiamo appositamente a studiare 6 mesi a Milano, mica per scherzo), vogliamo risanare questo patrimonio della storia e della cultura italiana. E' per questo che la nostra offerta sarà di rilevare il 48,8% delle quote azionarie. Il capitale sarà ovviamente ricavato dagli introiti degli ultimi pranzi di natale, più parte delle paghette di gioventù di Greg Lanza.
L'incertezza più grossa è pero sul nome: il governo è convinto che il marchio vada mantenuto tale e quale, mentre accurate indagini di mercato svolte dal Ferari durante questo lungo anno (apparentemente) sabatico hanno dimostrato che il popolo europeo si fiderebbe assai di più di una compagnia di crociera che si chiamasse: AIRGITTIER, o più banalmente RIGATTIERIAIRLINES. Il dato più sicuro di questa analisi è ad ogni modo la fiducia che il popolo europeo ha riposto in anni e anni di serio e duro lavoro dei Rigattieri su e giù per il continente.
Il 29 gennaio sarà la data in cui il nostro paese potrà finalmente dare una svolta importante nel rilancio della nostra economia, o continuare a governare nel solito malcostume altalenante e straccione.

Comments

7 Responses to “I Rigattieri spiccano il volo”
Post a Comment | Commenti sul post (Atom)

Carlocò ha detto...

Continuate così, Rigattieri, continuate così...

30/12/06, 10:54
nw ha detto...

che ne dite di un nome che ne sottolinei maggiormente la portata internazionale???
"bric-à-brac airlines" sarebbe perfetto....

30/12/06, 15:56
ocamuccata ha detto...

l'ocamuccata invece vorrebbe lanciarsi nel campo degli autotrasporti; ma forse sarà meglio occuparsi prima dell'acqua, che poi è il suo elemento principale.
L'ocamuccata sogna una nave Palermo-Livorno tutto l'anno, senza interruzioni. E' una grande sfida, ma si tratta soltanto di una delle grandi opere di cui l'Italia ha bisogno per entrare definitivamente nella via dello sviluppo sostenuto, non sostenibile.

30/12/06, 17:00
nw ha detto...

in mancanza di un post esclusivo, utilizzo questo per augurare a tutta ViaRigattieri, nonchè all'affezionato Rigattieri Entourage, un sano 2007....

31/12/06, 12:37
Capo ha detto...

stiamo lavorando per voi

31/12/06, 14:36
cicciobuscemi ha detto...

Eccome se si lavora!
un po' di pazienza.

31/12/06, 16:49
Anonimo ha detto...

IIIIIIIIHHHHHHHHHH! SVELATA UN'IDENTITA' O ETERONIMO???

31/12/06, 17:14