Minima moralia. 1

mercoledì, marzo 02, 2011

Minima moralia è la nuova rubrica in cui chi vuole potrà lamentarsi delle storture del mondo e sfogare qui la sua rabbia al fine di evitare di sfogarla su qualcuno nella vita vera incorrendo così in spiacevoli conseguenze. Si tratta dunque di una rubrica profondamente moralistica e conservatrice, perché riproducendo le conseguenze nel mondo vero si riuscirebbe forse a cambiare qualcosa, mentre così siamo sicuri che tutto rimarrà una merda. Però almeno ci saremo tolti qualche frustrazione. Forse.

Allora, Minima Moralia 1.


Io credo che chi scrive un articolo (più o meno scientifico) e cita più di un autore per pagina, ovvero più di 10 nel complesso del suo articolo, debba: 1) essere espulso a vita (sì, da tutto quello di cui fa parte); 2) avere quotidianamente una buona dose di diarrea che gli impedisca di esercitare le più semplici funzioni vitali - un po' come la signorina con il vibratore nella passera di Snake of June; 3) in ultimo, salvo ravvedimenti comunque tardivi e scuse mai sufficienti, e ovviamente al prezzo del ritiro di quella cosa dal mercato mondiale in qualunque forma, debba in ultimo, dicevo, per compensare almeno un minimo il male che ha arrecato al mondo, morì.

Comments

8 Responses to “Minima moralia. 1”
Post a Comment | Commenti sul post (Atom)

Happy ha detto...

un entusiastico conservatorismo mi fa accogliere a braccia aperte la nascita di questo nuovo spazio liberale (cribbio!)

02/03/11, 18:15
marcellino ha detto...

io credo di far parte della categoria di quelli che citano tutti (e anche della categoria di quelli che li apprezzo pure, quelli che citano tutti).

però credo altresì che accetterei di buon grado la condanna, e in particolare al punto due. Tanto che (ed ecco la doverosa citazione), al liceo scrissi una canzone col mio compagno di banco (oggi autore fisso di spinoza.it), il cui ritornello diceva:

"voglio una diarrea permanente
una vescica assai capiente
per soddisfare il mio bel vizio
far lavorare ogni orifizio"

(nessuno ce l'ha mai musicata, però)

02/03/11, 18:37
capo ha detto...

Io ti manderò l'articolo che sto leggendo. Il quale, oltre a non dire: nulla, lo dice a lungo. Il che già fa girare le palle. Ma molto di più se io che lo leggo sono quello che deve fare (a lui che non dice una ceppa a lungo citando il mondo senza che abbia nessun senso) l'indice dei nomi. Oh sì, deve morì, non c'è dubbio alcuno.

02/03/11, 18:42
Tex ha detto...

Mad men è bello ma non mi fa ridere. Questo sì! posso avere un MM ogni giorno?
Ma non esiste un programmino apposito per l'indice dei nomi? So di per certo che esiste un programmino per produrre automaticamente articoli (più o meno scientifici) con tante citazioni e tutti i nomi giusti al posto giusto. Ma nel contrattino di licenza non dice nulla sulla diarrea e nemmeno sull'odio mortale degli indicizzatori...sulla questione del vibratore, ora controllo.

03/03/11, 02:10
Anonimo ha detto...

io faccio parte di quella categoria di persona che hanno idee e quindi non cito, specie chi a sua volta non fa altro che citare. Però appartengo anche a quel sottogruppo di persone che hanno idee sbagliate. Quindi qualcuno potrebbe dire che farei meglio a citare. È un bel dilemma, idee seppur sbagliate o scopiazzature come fa lo ottantasssseeeeeeiiiiii per cento della gente? E però che abbiamo messo il capo a fare l'indice dei nomi, mi pare un abuso bello e buono, lui che è un traduttore affermato! confermo, devono morì! e devono morì anche quelli che scrivono in dieci pagine ciò che potrebbero scrivere in una!

lanz

03/03/11, 11:52
capo ha detto...

io sto con lanz. in maniera del tutto diversa da come bud spencer stava con gli ippopotami, è chiaro.

franci, tu non hai idee sbagliate, quindi non ti preoccupare. e comunque ti assicuro che meglio idee sbagliate che elenchi di persone. e ovviamente meglio una pagina che dieci, per dire le scemenze che uno deve dire, o no?

'sta gente non ha letto abbastanza Socrate.

03/03/11, 13:09
Ciccì ha detto...

ah perché tu hai letto Socrate?

03/03/11, 17:50
Ciccì ha detto...

ma era una battuta. aaaah.

04/03/11, 10:16